ico-freeze

Normative Di Riferimento FREEZE

tratto da Assogastecnici “Linee Guida per la corretta gestione dei gas fluorurati”

“A valle di una serie di studi scientifici, tramite i quali è stato rilevato che la presenza di atomi di cloro all’interno di alcuni composti noti come CFC e HCFC contribuirebbe alla distruzione dell’ozono stratosferico per attivazione di un ciclo catalitico che vede coinvolti gli atomi di cloro (a differenza del fluoro che non dà vita ad alcuna reazione distruttiva), già dall’inizio degli anni ’80, era stato deciso di proporre a livello mondiale una strategia globale di intervento a tutela dello strato di ozono. La decisione di intervenire con misure restrittive nelle emissioni prima dei CFC e poi anche degli HCFC si è concretizzata nel 1987 con la firma del Protocollo di Montreal.

In un contesto di stretta collaborazione internazionale nell’ambito dell’organizzazione delle Nazioni Unite (Programma per l’Ambiente – UNEP), il Protocollo di Montreal, sottoscritto da una sessantina di nazioni tra cui tutte quelle a maggior sviluppo industriale, prevedeva dal luglio dello stesso anno il congelamento della produzione e consumo di prodotti CFC ai livelli del 1988, mentre dal 1° luglio 1993 produzi one e consumo avrebbero dovuto essere contenuti entro l’80% dei livelli 1986. Infine, dal 1° luglio 1998 ciascuna nazione avrebbe dovuto ridurre il proprio consumo di CFC al 50% del livello 1986. Lo stesso accordo prevedeva anche il congelamento della produzione a livello 1986 per gli estinguenti d’incendio halon.

Per leggere la normativa intera, scarica il PDF sottostante.

  • null

    REGOLAMENTO (UE) N. 517/2014